Il pianto di un violino

29 01 2011

Maestro!

Fermi la sua musica

mi provoca fastidio.

Non sarebbe meglio

abbandonarsi

al rumore del silenzio?

Presto

non lasciamo sfuggire

quest’aria quieta

perché d’inquietudine

colmiamo ogni minuto.

Non sente ora?

Questa è la melodia che cercavo:

il mio nulla

accompagnato dal suo vuoto.

Sublime!

Annunci




Vacuità

21 09 2010

Non so cosa fosse

non ricordo.

Parlava

ed io capivo

ora tace.

Si ritagliava il suo spazio

ma ora si stringe

in un angolo inesistente.

Frammenti sparsi

si accatastano da un lato

vetri di uno specchio

che riflettono sincroni

la stessa immagine.

Silenzio e paura.

Il vuoto riempie questa stanza

con le sensazioni

di un vento freddo

che soffia tra mani

umide di vergogna.

Non c’è nulla tra me ed il mio cuore.

La foschia si attenua

e lascia spazio all’oscurità di questa notte

che cade su una luce spenta

come pioggia su un mare calmo.

Una ribellione soffocata

nel pieno del suo fervore

urla e scalcia

senza emettere un solo grido

di emozione comprensibile.

Sassi duri e gelidi

tra passi titubanti.

Eterea serenità

di lasco nodo

pendente su assi di legno

fragili ed instabili

di una nave in balia

delle onde.

Nient’altro che nulla.

Il vuoto

senza di me.








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: