Pelle

10 07 2011

Pelle lucida

candore di stelle

riflessi di eternità

ermeticamente sigillati

in un attimo.

Umide percezioni

calde d’estate

notte fredda

e gocce di piacere.

Passione lenta

rapida

esplosiva

cauta

silenziosa

deflagrante

e ancora occhi e mani

mani e sguardi

sguardi e sussulti.

Scivolando sulla tua pelle

mi vesto delle tue spezie

divoro l’oscurità

mentre l’alba

fuori

divora il mondo.

I miei vizi

e le tue virtù

niente in confronto

al sole

che prepotente

colora i nostri corpi

avvolti nei sospiri

del tempo

che non muore.

 

Annunci




resta ancora…

15 04 2009

pioggia-abbraccio

la nebbia si dirada…
la luce riesce a fendere con chirurgica precisione ogni lembo di quel telo grigio che si è posto davanti ai miei occhi da troppo tempo ormai…
le minuscole gocce d’acqua mi sfiorano la pelle quasi a volerla preservare dall’imminente impatto con il calore di un sole che i miei occhi non hanno mai visto prima…
ho la gola secca…
di centinaia di parole che avrei potuto dire non me ne viene una sola…
un misto di paura ed eccitazione colpisce il mio cuore spezzando ogni catena di logica prevedibilità e portandomi in uno stato di frenetica attesa…
le pupille si ridimensionano…
i primi minuscoli raggi riescono a toccare il mio sguardo che non riesce a staccarsi da quella fonte luminosa così potente da riuscire ad oltrepassare lo strato denso e umido di quella foschia…
il respiro si fa più veloce…
il battito del cuore aumenta la sua frequenza…
il tempo si ferma…

ora ti vedo…

non un’immagine dettagliata o una nitida figura…
contorni…
riconosco chiaramente i capelli, la forma del mento, la larghezza delle spalle…
ti ho vista mille volte davanti a me…
ma non sei mai stata così bella…
una figura evanescente…
ad ogni fluttuazione dell’immensa nube che si dissolve davanti ai miei occhi mi mostri la tua ombra protetta da quella fonte luminosa che ancora una volta mi spaventa e mi eccita…
non ti muovi…
resti immobile per permettere ai miei poveri occhi di mettere a fuoco la tua immagine…
ho intravisto i tuoi occhi…
due perle nell’immenso splendore del tuo viso…
troppo distante per percepire il mio cuore…
troppo vicina per poter andare via senza che io ti abbia stretta fra le mie braccia…
resta ancora…





Uno sguardo…

4 04 2009


Guardami negli occhi…
così che io possa perdermi nei tuoi…
scorgere l’orizzonte della tua anima, nell’attesa dell’alba delle tue passioni…
lasciami attraversare quella impenetrabile barriera che separa il mondo dalla tua fragilità…
voglio conoscere i tuoi pensieri, scorrere i tuoi ricordi, scrutare le tue paure…
non desidero altro che abbandonare i sensi e lasciarmi trasportare dalle emozioni…
intercettare ogni tuo pensiero prima che tu possa visualizzarlo nella tua mente…
vorrei poter vedere oltre quello sguardo perso nel vuoto carico di perplessità e dubbi…
muovi gli occhi distrattamente finchè non ti accorgi di incrociare il mio sguardo…
sorridi e ti volti…
e poi di nuovo i tuoi occhi nei miei…
uno sguardo casuale e lontano…
troppo distanti per comunicare a parole…
ma le parole non servono…
tutto scompare e rimangono solo due anime nude che si guardano profondamente dentro…
che sia un secondo, un’ora o un’eternità non importa…
impercettibile e misterioso è l’amore…
di mille parole non resta nient’altro che uno sguardo…
la felicità di quell’attimo, immortalata per sempre nell’anima…
finchè non ci rivedremo, forse, senza il fardello della nostre diverse vite…








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: