La pura energia delle emozioni

9 10 2010

In un sospiro accompagnato da luce e musica

mi sono lasciato trasportare

dalla pura energia delle emozioni.

Come potevo trattenere le lacrime

quando tutti intorno a me

urlavano quel ritornello

tanto atteso

e a lungo rimpianto?

Come potevo frenare ogni goccia

di istantanea trasfigurazione

quando la luminosità

di questo immenso spettacolo

ha invaso ogni angolo della mia anima?

Ho pianto dopo tanto tempo

versando in un momento

ogni mio sfogo nei confronti

di questa mia amara felicità

confusa troppo spesso

con la vita.

Urlavo e cantavo

il mio sogno

piangendo come un bambino

che desidera ciò che non può avere.

Forse ho urlato il tuo nome

ma l’ho già dimenticato.

Gridavo e cantavo

lasciando uscire attraverso la mia voce

tutto il dolore che non sono riuscito

a cancellare.

Ti ho vista tra quelle migliaia di persone

ma la consapevolezza della tua assenza

riportava alla mia mente solo il ricordo

di quelle parole intonate con timidezza

quando la vita ci sorrideva

nella nostra estate dimenticata.

Strillavo e piangevo

nascondendo nel segreto del mio pensiero

una dedica mai spedita

una melodia

non più condivisa.

Con o senza di te

nell’eternità della mia speranza

ti dono ogni frutto della pura energia

delle emozioni.





Bellezza

8 10 2010

Eppure tremo.

Tremo e mi sento vivo.

Ancora il tuo sguardo

i tuoi occhi

il tuo sorriso.

Proprio tu nascosta nel mio pensiero

ti lasci guardare attraverso la nebbia

di un ricordo.

Quanta bellezza sai emanare.

Bellezza da vivere

da gustare.

Bellezza da amare.

Il mio volto si perde inseguendo

un’emozione fugace.

Dio quanto sei bella!

Se solo potessi…

…ma io non posso.

E vago alla ricerca di un dolore sepolto

che mi riporta a viverti

nell’istantanea ed immortale forza

di una fotografia

tanto potente

quanto la passione che brucia il mio animo

lasciandomi disarmato

a volte impaurito

nella speranza di gustare

per un momento di gioia

la tua presenza

distante.

Chiudo in un sospiro di felicità

la tua immagine

ed assaporo nel mio silenzio

la luce che emani

dal tuo cuore immenso.

Dio quanto sei bella!





Come stai? – tra i riflessi di una canzone

16 09 2010

Vedi cara è difficile spiegare

perchè le parole non conoscono il senso del loro scorrere

e non trovano la strada della loro comprensione.

E’ difficile capire

perchè il linguaggio del cuore

non è coerente con il linguaggio della mente.

Se non hai già capito

continua a sentire e continua a desiderare

perchè il significato di ciò che provi

è l’unica vera strada per la tua felicità.

Vedi cara l’amore non si cancella

tra i fantasmi del presente

tra le luci del passato

e tra i dubbi del futuro.

Vedi cara io sono qui

dove l’atmosfera dei miei pensieri

si raccoglie tra le reti del tuo vivere.





Reminescenze

16 09 2010

Spesso ritorna con amarezza

una sensazione del passato

che ci riporta nel nostro tempo incerto

ricordandoci con malinconia

momenti di cui vorremmo perdere la memoria.

Si abbandonano gli anni

per vivere la nostra vita

ma ritorniamo perchè conosciamo con esattezza

il senso celato dietro ogni nostro dolore.

Anche il mio senso non si nasconde

mi si pone innanzi con violenza

percorrendo con passo svelto

immagini che ho vissuto da spettatore

e adesso non percepisco altra necessità

se non quella di cancellarle.

Ma il ricordo non si allontana

rimane offuscato da mille distrazioni

che si diradano come la nebbia

in un mattino di autunno

nell’istante della nostra vergogna.








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: