Leggendo la tua anima che è anche la mia

16 10 2010

Continuo a leggere la tua anima.

Nel palpito di un’emozione

celata in un ricordo

rivivo ciò che eri.

Una lacrima solitaria

accompagna un sorriso

perduto nello scorrere

dei tuoi pensieri.

Dove sei ora?

Libera quello splendore

che si svela impaziente

tra le tue righe.

Ho visto il tuo dolore

i tuoi rancori si sono sciolti

tra le mie braccia

e poi di nuovo

silenzio.

La mia anima si incastra con la tua

e si completa

anche in questa assenza.

Chi ti ha rapito da te stessa?

Maledette le sue menzogne

i suoi tradimenti

le sue parole.

Voglio essere io

il tuo

tutto.

Voglio essere io il tuo eroe

e sfido ogni angheria

che il tuo spirito decadente

lancia contro il mio amore.

Oh dolce ritorno

potessi volgere a me

il tuo cammino

faticoso.

Dammi quel calore

che conservi nella tua solitudine.

Un letto vuoto non basta

un cuore infranto non mi soddisfa

una gratitudine nascosta

in momenti remoti

non mi appaga.

Vivimi ancora

perché una scelta

rimane una prigione

e un delirio di insoddisfazione

respira tutta la tua aria

portandoti lontano da me.

L’attesa struggente

mi sorregge con delicatezza.

Colmo le mie speranze

nella distrazione di un desiderio

e corro da te

nonostante tutto.

Sono qui per te

ora e sempre

e non lascerò il tuo animo

nell’oblio di una triste

canzone di malinconia.

Quiete caotica

e sospiri di frenesia

sottendono a quel mio cuore

ancora intrappolato

per sempre

tra le tue paure.

Vivo la mia istantanea eternità

in un momento di gioia

ignorando con vigore

i dolori del passato.

Le vie del mondo

portano a te

ed io continuo a camminare

perché la verità

è lontana dall’essere rivelata.








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: